Tentò di uccidere lo zio, arrestata

Il 15 ottobre 2017 l'87enne Alfonso Benini fu trovato dai vicini in un lago di sangue nel giardino di casa, a Cesenatico, nel Forlivese. Era stato ripetutamente colpito al capo con un oggetto contundente, mai ritrovato, che gli aveva procurato gravissime fratture e traumi. A lungo fra la vita e la morte, le sue condizioni sono tuttora considerate critiche. Per l'aggressione e con l'accusa di tentato omicidio aggravato dello zio, è finita in carcere la nipote, 56 anni, residente nei pressi di San Mauro Mare. Le indagini dei carabinieri, scartate presto le ipotesi di una caduta accidentale o di un'aggressione per rapina, nonostante in un primo tempo la vittima, che ha gravi problemi di vista, avesse sostenuto questa tesi, si sono concentrate sui parenti e sulla donna che da tempo lo accudiva. Alla base del gesto, ci sarebbero motivi economici: la paura di essere esclusa dal testamento e della revoca di una polizza vita di cui era beneficiaria, dopo un tentativo, fallito, di far interdire l'anziano.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Forli Today
  2. EmiliaRomagna News24
  3. Forli Today
  4. Romagna Noi
  5. Cesena Today

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Bertinoro

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...